Social Network

Movimento 5 Stelle Lazio
Mail: gruppom5s@regione.lazio.it
Via della Pisana 1301 - 00163, Roma
Movimento 5 Stelle Lazio
Mail: gruppom5s@regione.lazio.it
Via della Pisana 1301 - 00163, Roma

RESPINTA RICHIESTA DEL M5S LAZIO DI ISTITUIRE COMMISSIONE DI INCHIESTA SU MALASANITA’

29 Novembre, 2013

corruzione2-150x150

Nella ripresa dei lavori d’aula, sospesi ieri per l’assenza del PD, il consiglio regionale del Lazio ha respinto con motivazioni assolutamente ingiustificate un’importantissima risoluzione promossa dal M5S che aveva l’obiettivo di istituire una commissione di inchiesta sui casi di malasanità nella Regione Lazio.

Silvana Denicolo’, capogruppo M5S Lazio, ha dichiarato: “Era ovvio che l’avrebbero respinta, perché molti di quelli che hanno oggi votato contro sarebbero potuti essere coinvolti, e non solo come testimoni, dalla commissione d’inchiesta. Questa è la trasparenza che vuole la maggioranza targata PD e questo è il messaggio che Zingaretti vuol far passare: “non vi preoccupate, continuate a gestire male la cosa pubblica, continuate a uccidere la sanità pubblica, nessuno vi farà domande, noi non ci stiamo e continueremo a lottare per identificare i colpevoli del dramma sanitario laziale.”

La maggioranza targata PD contraddice colpevolmente le stesse parole del Presidente Nicola Zingaretti (PD) che invece aveva espresso pubblicamente in aula la propria disponibilita’ ad istituire la commissione di inchiesta.

Le responsabilita’ di questa grave decisione sono tutte riconducibili a giustificazioni pretestuose e strumentali del Partito Democratico e di Lista per il Lazio.
Dovranno renderne conto di fronte a tutti i cittadini che ogni giorno muoiono di malasanita’ e a tutte le associazioni come Cittadinanza Attiva, Codici, Legambiente ed Assotutela che da anni denunciano questi disservizi.
Anche oggi il consiglio regionale del Lazio non ha saputo prendersi le proprie responsabilita’.

Il MoVimento 5 Stelle non si ferma: presenteremo subito una proposta di legge per istituire la commissione di inchiesta.
Non sara’ questo vergognoso voto a fermare la volonta’ dei cittadini di ottenere trasparenza e giustizia.