Social Network

Movimento 5 Stelle Lazio
Mail: gruppom5s@regione.lazio.it
Via della Pisana 1301 - 00163, Roma
Movimento 5 Stelle Lazio
Mail: gruppom5s@regione.lazio.it
Via della Pisana 1301 - 00163, Roma

NO al Piano Lupo 2017: inaccettabile tornare indietro di 46 anni, garanzie per tutela della biodiversità

21 febbraio, 2017

I Consiglieri Regionali del Movimento 5 Stelle si appellano al Presidente Zingaretti affinché anche il prossimo 23 febbraio in sede Conferenza Stato-Regioni, la posizione della Regione Lazio sia quella di bocciare in toto il Piano Lupo 2017. Come i nostri Parlamentari hanno ricordato nel loro intervento durante l’ultima interpellanza urgente rivolta al Ministro Galletti, il Piano Lupo 2017 è stato realizzato da una Onlus, tramite un affido diretto del Ministero dell’Ambiente e senza il supporto di dati scientifici. Il piano, come prevede la normativa vigente, deve essere redatto dal Ministero dell’Ambiente in collaborazione col Ministero delle Politiche Agricole e con l’ISPRA. Ricordo che l’Italia è già sotto Procedura d’Infrazione da parte dell’UE per non aver rispettato i principi cardine della Direttiva Habitat, che prevedono la tutela delle specie protette e dell’ambiente naturale. E’ assurdo prevedere l’abbattimento di una specie ormai protetta da 46 anni, che per di più costerebbe ulteriori oneri alla collettività, sia in termini di sanzioni sia per la perdita di biodiversità.

La presenza del lupo è da considerarsi una risorsa e un segnale importante della qualità dell’ambiente naturale. Il nostro dovere è quello di pretendere che questo Governo, e insieme ad esso i Governi regionali, si impegni affinché siano posti in essere tutti i sistemi di deterrenza e di indennizzo che hanno già dato risultati soddisfacenti sulla protezione degli allevamenti, e che si lavori per la convivenza tra specie e attività antropiche sostenibili.

Lo dichiara Silvana Denicolò, consigliera M5S Lazio

LEAVE A REPLY