Comunicati Stampa

Roma, 29 maggio – “E’ stata accolta in consiglio regionale la Mozione con la quale ho inteso proporre una serie di provvedimenti volti alla tutela degli animali di compagnia e alla ripresa delle attività ad essi connesse. Occorre al più presto riaprire le attività di presa in custodia e attività dei dog sitter, purché il servizio venga svolto per appuntamento, senza il contatto diretto tra le persone, e comunque in totale sicurezza, utilizzando i mezzi di protezione personale e garantendo il distanziamento sociale.

Tra le altre cose, nella Mozione si chiede anche:

–          la ripresa delle attività di volontariato e gestione delle adozioni di cani e gatti da parte delle associazioni di tutela animale tramite l’adozione di un Protocollo uniforme sul territorio;

–          l’apertura di canili sanitari pubblici efficienti, con tutta la strumentazione sanitaria e la presenza di veterinari, stanziando risorse ad hoc per quei Comuni che ne siano sprovvisti;

–          la definizione di provvedimenti necessari per autorizzare o comunque far ripartire il trasporto degli animali da affezione interno alla Regione Lazio e tra le Regioni;

–          la creazione di un fondo da destinare alle associazioni e alle organizzazioni che operano nel mondo dell’accudimento degli animali da compagnia;

–          il coordinamento dei protocolli per la gestione delle adozioni e la gestione dei turni dei volontari nelle strutture di accoglienza di animali sia affidato alle associazioni di tutela animale operative nella struttura;

–          verifiche per evitare situazioni di potenziale conflitto di interesse laddove la gestione per il servizio di canile e accalappiamento risultasse in capo a personaggi politici, amministratori o consiglieri presso gli Enti Locali affidatari dei servizi”.

Così in una nota Francesca De Vito, consigliera M5S alla Regione Lazio