Auspichiamo che la Direzione del MIBACT, che abbiamo chiesto di audire in Commissione Urbanistica, risolva ogni dubbio sulla regolarità dell’iter autorizzativo

 

Roma, 22 febbraio – “Il Piano Territoriale Paesistico Regionale va approvato al più presto perché è impellente dare, al nostro territorio, regole chiare. Normare le attività possibili in presenza di beni e paesaggi tutelati, coerentemente alle norme nazionali e costituzionali, è diventata ormai un’urgenza non più procrastinabile. Ma deve essere chiaro che la Regione Lazio ha la facoltà di intervenire solo ed esclusivamente con norme più restrittive di quelle nazionali e non il contrario”.

Così Gaia Pernarella, consigliera regionale del Movimento 5 Stelle, nel corso della Commissione Urbanistica che si è riunita oggi in merito alla nuova Delibera di Giunta relativa al PTPR e nella quale sono state audite le associazioni di categoria.

“La nostra proposta – ha affermato Pernarella – è quella di riproporre in Aula, per l’approvazione,  la delibera così come era stata co-pianificata con il MIBACT e presentata nel gennaio del 2019 in consiglio regionale, intervenendo sulla normativa regionale di settore per adeguarla alle reali esigenze del territorio. Abbiamo a cuore lo sviluppo e il progresso della nostra regione  e comprendiamo le difficoltà di interi settori che al momento stanno subendo un rallentamento, dopo la bocciatura del Piano e il conseguente intervento delle clausole di salvaguardia che impongono, laddove ci sono vincoli, solo attività di edilizia leggera. Ma abbiamo a cuore anche la salvaguardia dei nostri beni paesaggistici e archeologici che non possono essere subordinati all’attività economica, così come ribadisce la stessa Consulta. Due priorità che non sono in contraddizione, ma che possono convivere adottando un nuovo approccio che è quello dello sviluppo eco-sostenibile, che presupponga, tra le altre cose,  un minor consumo di suolo, il recupero dell’esistente e un maggior impulso alla rigenerazione urbana”.

“Il Piano Territoriale Paesistico Regionale non ci ha mai convinto ma, da quello che dichiara la Giunta, ora almeno sembra essere legittimo. Auspichiamo che la Direzione del MIBACT, che abbiamo chiesto di audire in Commissione Urbanistica, risolva ogni dubbio sulla regolarità dell’iter autorizzativo, in modo che si possa sbloccare la situazione e chiudere al più presto questa brutta pagina”, ha concluso la consigliera del Movimento 5 Stelle.