Roma, 4 agosto – “Con grande soddisfazione accolgo l’approvazione, da parte del Consiglio regionale di un importante emendamento, da me presentato, grazie al quale saranno effettuate indagini epidemiologiche in via preliminare anche nelle aree che non sono considerate a rischio ambientale, ma per le quali è in corso l’iter per tale riconoscimento”.

Così in una nota il capogruppo M5S alla Regione Lazio Loreto Marcelli.

“Con questa modifica a alla Legge regionale n. 13 del 19 luglio 2019 – continua Marcelli –  si mette al primo posto la sicurezza dei cittadini esposti a rischio e si dispone che l’indagine epidemiologica sia effettuata contestualmente all’iter di designazione di area a rischio e prima della perimetrazione formale della zona, al fine di individuare meglio l’ambito territoriale da considerare. Un risultato importante che segue una battaglia che stiamo portando avanti da tempo, con il contributo determinante della sottosegretaria al MITE, Ilaria Fontana, per tutelare le popolazioni che vivono nelle zone particolarmente colpite o esposte ad inquinamento ambientale e che hanno il diritto di vedere salvaguardata la propria condizione fisica. Per noi la loro salute e la loro sicurezza sono prioritarie”.