Non richiamare mai questo numero: fingono di essere dipendenti bancari e ti svuotano il conto

Nuova truffa della finta telefonata dalla banca. Scopri come i malviventi spingono le vittime a dargli i loro soldi: non cadere nel tranello.

I malviventi sono sempre in agguato e pronti ad escogitare stratagemmi sofisticati per raggirare le povere vittime.

dipendenti bancari svuotano conto
Phishing: attenzione alla nuova truffa della telefonata dalla banca (lazio5stelle.it)

Attenzione alla nuova truffa che è partita dal Nord Europa ma sta arrivando anche in Italia. Si tratta di una tattica per sfruttare la buona fede delle persone tramite una “finta telefonata dalla banca”. L’azione illegale si basa su un inganno ben architettato. Potrebbero arrivare chiamate che sembrano effettuate da istituti bancari legittimi. Tuttavia, in realtà sono orchestrate da criminali che cercheranno di ottenere in tutti i modi informazioni sensibili, sia personali che finanziarie.

Truffa della finta telefonata dalla banca: come rubano i vostri soldi

A far scattare l’allarme della nuova frode bancaria è stata OP Bank, una delle più grandi società finanziarie finlandesi. Il rischio di emulazione del metodo è forte anche da noi. È bene, quindi, sapere come funziona per potersi difendere.

truffa finta telefonata
Attenzione alla truffa della finta telefonata: agiscono in modo subdolo – Lazio5stelle.it

I malviventi punteranno a creare scompiglio nell’emotività della vittima, creando preoccupazione e paura. Comunicheranno, infatti, che vi sono anomalie o attività insolite legate al conto. Inviteranno, dunque, a trasferire i propri fondi su un “conto di sicurezza”; per farlo vi chiederanno anche i vostri dati personali, pin e password segrete. Ovviamente non esiste nessun conto di sicurezza. Si tratta di un raggiro per rubare i soldi dei malcapitati.

Ricordate bene: nessun istituto bancario chiamerà mai spingendo il cliente a riferire le proprie credenziali d’accesso al conto corrente o per effettuare pagamenti. Qualora veniste contattati in questa subdola maniera, non fate nulla di quanto suggerito. Chiudete immediatamente la comunicazione e informate la vostra banca. Chiamate anche le autorità competenti affinché possano avviare le dovute indagini.

La truffa potrebbe avvenire anche tramite SMS o comunicazione scritta. In quel caso non aprite allegati, non cliccate su link sospetti. Anche in questa circostanza, contattate immediatamente il vostro istituto bancario di riferimento.

Le frodi che avvengono in maniera telematica solitamente vengono raggruppate sotto il nome di phishing. Ci sono dei piccoli accorgimenti da prendere per evitare gravi danni al vostro patrimonio. Innanzitutto, mantenete la calma (i truffatori spesso cercheranno di sfruttare la vostra emotività e sensazioni di panico e ansia). Verificate sempre l’identità di chi vi ha contattato, non abbiate vergogna di pretendere nome e un numero di riferimento. Non divulgate informazioni personali, password o dati della carta di credito e non consentite a nessuno l’accesso remoto. Infine, non dimenticate mai di aggiornare le vostre misure di sicurezza.

Impostazioni privacy