Europee: ecco quanto si guadagna a fare lo scrutatore o il presidente di seggio

Oggi e domani si vota per le elezioni Europee: quanto guadagna uno scrutatore o presidente al seggio? Ecco tutte le cifre. 

In queste ore per via delle elezioni europee, molti cittadini italiani ricopriranno i ruoli di presidente o scrutatore di seggio. Queste figure, essenziali per il corretto svolgimento del processo elettorale, ricevono un compenso per il loro impegno. Ma quanto ammonta esattamente questo compenso e come vengono gestiti i rimborsi delle spese di viaggio?

europee quanto guadagna scrutatore o presidente al seggio
Europee, quanto guadagna uno scrutatore o presidente di seggio (Foto Ansa) lazio5stelle.it

La circolare Dait del Ministero dell’Interno ha definito con precisione le competenze economiche spettanti ai componenti dei seggi elettorali. Per le elezioni europee senza abbinamenti con altre consultazioni, i presidenti dei seggi ordinari godono di un compenso pari a 138 euro; una cifra che varia sensibilmente in presenza di elezioni abbinate. Ad esempio, nel caso di abbinamento con le elezioni regionali o comunali, il compenso sale fino a 283,50 euro per i presidenti dei seggi ordinari.

Scrutatori e segretari: un ruolo ben retribuito

Anche gli scrutatori e i segretari dei seggi vedono variare il loro compenso in base al numero delle consultazioni contemporanee. Da 110,40 euro per le sole elezioni europee fino a 213 euro nel caso di quadruple consultazioni abbinate. Un incremento significativo rispetto agli anni precedenti che testimonia l’importanza attribuita a questi ruoli all’interno del processo democratico.

europee quanto guadagna scrutatore o presidente al seggio
Questo fine settimana si vota per le elezioni Europee (Foto Ansa) lazio5stelle.it

Oltre ai compensi fissi, sono previsti anche rimborsi per le spese di viaggio sostenute dai membri dei seggi che devono recarsi fuori dalla propria residenza per adempiere ai loro doveri elettorali. Le modalità di rimborso sono dettagliate dalla normativa vigente: è necessario presentare documentazione adeguata che attesti la distanza percorsa e l’effettiva necessità del viaggio.

Procedure burocratiche precise per la liquidazione

Le amministrazioni comunali giocano un ruolo cruciale nella gestione finanziaria legata alle operazioni elettorali. È loro responsabilità assicurare la corretta liquidazione dei compensi e dei rimborsi attraverso una rendicontazione dettagliata da presentare alle Prefetture competenti. Questo processo burocratico garantisce trasparenza e correttezza nella distribuzione delle risorse pubbliche destinate al sostegno della democrazia rappresentativa.

Ricoprire il ruolo di presidente o scrutatore durante le elezioni europee non solo rappresenta un importante contributo alla vita civica del paese ma comporta anche specifiche remunerazioni economiche. Compensi adeguati insieme ai rimborsi delle spese sostenute incentivano la partecipazione attiva dei cittadini nel processo democratico, assicurando allo stesso tempo che nessuno debba sopportare oneri finanziari personali per svolgere tali incarichi.

Impostazioni privacy