Imu, puoi dire ‘quasi’ addio solo con questo metodo: il trucco efficace per i contribuenti è LEGALE

C’è un trucco efficace e perfettamente legale che permette di dire addio per sempre all’IMU senza avere più problemi.

La tassa sull’immobile deve essere pagata da tutti coloro che hanno un’abitazione a partire da quella di residenza, l’unica esentata dal versamento. Quindi anche per chi ha una casa vacanze è posto l’obbligo di dover pagare l’IMU che non è fisso ma è variabile e viene stabilito secondo una serie di fattori molto precisi.

Imu trucco legale contribuenti
Imu, addio alla tassa con questo metodo legale (lazio5stelle.it)

Ci sono sistemi che consentono, in modo del tutto legale quindi previsto dalla legge, di pagare di meno e altri di non pagare affatto. Molti non sanno che sono possibili queste opzioni e quindi pagano anche laddove non è obbligatorio. È bene ricordare che è utile fare attenzione prima del pagamento della tassa stessa perché i rimborsi in questo caso sono molto complessi e richiedono tempo.

Imu, addio alla tassa con questo metodo legale

L’IMU non va pagata sulla prima casa, ovviamente quindi dove è presente la propria residenza. Questo non vuol dire intestare la casa al figlio per non pagare quella della residenza delle vacanze, è importante che vi sia prova di uno spazio vissuto per essere realmente esentati dal non versare tasse, oltre ad essere un’azione del tutto illegale.

addio imu metodo
IMU, il trucco per non pagare (lazio5stelle.it)

Per ottenere la riduzione lecita dell’IMU ci sono delle opzioni previste e facili da attuare. Un esempio valido per lo sconto è quello di affittare in comodato d’uso l’immobile, in questo caso si riceve una riduzione immediata. L’esenzione è dovuta anche in altri casi, ad esempio laddove ci siano delle problematiche sull’immobile che ne impediscono l’uso come condizioni fatiscenti magari di una casa disabitata da tempo che sono anche problemi di sicurezza laddove si volesse sfruttare quello spazio.

In questo caso bisogna richiedere, con documentazione valida, l’esenzione che può essere anche del 100%. Vi sono anche delle specifiche aree che sono esentate dal pagamento. Si tratta comunque di condizioni specifiche ad esempio per isole minori, zone montane o collinari che hanno una destinazione agricola o pastorale.

La normativa però è veramente molto fitta, anche nel caso in cui due coniugi vivano per motivi di lavoro distanti, uno in un’abitazione e uno nell’altra per tutta la settimana, per poi riunirsi magari solo temporaneamente nel fine settimana, allora è possibile ottenere l’esenzione su entrambi gli immobili. Questo è stato fatto per non gravare economicamente sulle coppie che devono già spendere molti soldi per spostarsi di continuo e ricongiungersi alla famiglia.

Impostazioni privacy